I defibrillatori possono danneggiare maggiormente i pazienti con danni renali

Le persone con malattia renale cronica spesso sviluppano insufficienza cardiaca, portando al pace-maker per controllare un battito cardiaco irregolare. Ma non è senza rischi, un nuovo studio ha trovato.

Le probabilità di essere ospedalizzati per insufficienza cardiaca erano del 49% maggiori per i pazienti con malattia renale con un defibrillatore impiantato rispetto a quelli che non avevano il dispositivo, secondo lo studio dei ricercatori di Kaiser Permanente e dell’Università di Washington. Il ricovero per qualsiasi motivo era del 25% più alto per quelli con defibrillatore, rispetto a quelli senza.

“La scoperta ci ha sorpreso”, ha detto l’autrice principale Nisha Bansal, del Kidney Research Institute dell’università . Inoltre, lo studio non ha riscontrato differenze sostanziali nei tassi di mortalità tra i partecipanti allo studio che hanno avuto e non avevano un defibrillatore impiantato.

Un defibrillatore impiantato è un piccolo dispositivo che eroga scosse elettriche al cuore per aiutare a controllare i battiti cardiaci irregolari. Differisce da un pacemaker, che tratta problemi di ritmo cardiaco meno pericolosi. Altri studi hanno dimostrato che i defibrillatori impiantati riducono il rischio di morte cardiaca improvvisa per le persone con insufficienza cardiaca e migliorano anche la loro sopravvivenza globale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here