Meno americani contagiati dall'herpes

I tassi di infezione da herpes stanno calando tra i giovani americani, e le pratiche sessuali più sicure potrebbero essere uno dei motivi. Circa il 12% degli adulti è stato infettato da herpes genitale (HSV-2) nel 2015-2016, in calo dal 18% nel 1999-2000, secondo un nuovo rapporto del governo.

La stessa tendenza promettente è stata osservata con HSV-1, una forma di herpes che provoca piaghe intorno alla bocca e alle labbra, a volte chiamate vesciche di febbre o herpes labiale . Il 48% degli americani aveva la condizione nel 2015-2016, un calo dal 59% nel 1999-2000. “Il rapporto ci dice che due dei nostri virus più diffusi nella popolazione degli Stati Uniti, HSV-1 e HSV-2, sono in costante declino”, ha detto l’autore del rapporto Geraldine McQuillan, ricercatrice presso il Centro nazionale per la statistica sanitaria (NCHS) dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

McQuillan ha aggiunto che altri paesi hanno visto un declino simile negli ultimi due decenni, e “miglioramenti nelle condizioni di vita, igiene migliore e meno affollamento” possono spiegare questo cambiamento.

“Anche se molti fattori possono essere in gioco, probabilmente l’impatto maggiore è che i giovani scelgono di iniziare ad essere sessualmente attivi in ​​periodi successivi”, ha affermato il dott. Matthew Hoffman.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here