Ricerca sui pipistrelli per indizi sulla longevità

Nuove scoperte su ciò che dà a una specie di pipistrelli una lunga durata di vita potrebbero offrire indizi per aiutare le persone a vivere più a lungo, dicono gli scienziati.

Dei ricercatori europei hanno analizzato il DNA di circa 500 pipistrelli selvatici di quattro specie. Il loro focus era sui telomeri, le strutture protettive sulla parte terminale dei cromosomi. Nell’uomo e nella maggior parte degli altri animali, i telomeri si accorciano con l’età, causando la rottura delle cellule correlata all’invecchiamento che porta al deterioramento dei tessuti e alla fine alla morte. Questo non è il caso di Myotis, la specie di pipistrello più longeva. Rispetto alle altre specie di pipistrelli, i telomeri in questo pipistrello dalle orecchie di topo non si accorciano con l’età, secondo gli autori dello studio.

Per determinare come questi piccoli pipistrelli marroni mantengano i loro telomeri, i ricercatori hanno esaminato i genomi degli animali e confrontandoli con quelli di 52 altri mammiferi, concentrandosi su 225 geni associati al mantenimento dei telomeri. “I nostri risultati suggeriscono che i pipistrelli a vita lunga hanno sviluppato meccanismi migliori per prevenire e riparare il danno cellulare indotto dall’età”, ha detto l’autore senior dello studio Emma Teeling.

In particolare, due geni – ATM e SETX – potrebbero guidarlo, ha detto Teeling, professore all’University College di Dublino in Irlanda.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here