Scimmie clonate sfruttando il processo che ha portato alla nascita di Dolly

I primi cloni di scimmie geneticamente identici al mondo sono stati creati da scienziati cinesi, che affermano di aver rotto le barriere alla clonazione umana. Ma sia gli scienziati che altri esperti dicono che è altamente improbabile che questo progresso si tradurrà in cloni umani nel prossimo futuro. I ricercatori, invece, stanno promuovendo il potenziale per migliorare gli studi sui primati su problemi di salute umana come le malattie cardiache, il cancro e l’ Alzheimer .

Due macachi a coda lunga – soprannominati Zhong Zhong e Hua Hua – nacquero otto e sei settimane fa. Gli scienziati hanno usato lo stesso processo di clonazione in laboratorio che ha creato Dolly la pecora in Scozia nel 1996, hanno annunciato i ricercatori dell’Istituto di Neuroscienze della Accademia cinese delle scienze di Shanghai.

Zhong Zhong e Hua Hua sono essenzialmente gemelli identici, con DNA identico in tutti i loro cromosomi, ha detto il ricercatore Mu-ming Poo, il direttore dell’istituto. “Gli umani sono primati”, ha detto Poo. Con la clonazione di una specie di primati, “la barriera tecnica è ora infranta. In linea di principio, può essere applicata agli esseri umani”.

Nonostante questa svolta, non aspettatevi la clonazione umana nel prossimo futuro, ha detto il bioeticista Henry Greely, professore di diritto e genetica alla Stanford University. Il processo utilizzato dagli scienziati cinesi si basava su cellule fetali piuttosto che su cellule adulte e non è molto efficiente, richiedendo molti tentativi falliti solo per creare questi due cloni di successo, ha detto Greely.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here