Potrebbe una pillola mettere i freni all'invecchiamento?

Il fattore di rischio numero 1 per tutte le grandi malattie – cancro , malattie cardiache , morbo di Alzheimer – è l’invecchiamento. Ma invece di curare le malattie, una pastiglia potrebbe trattare il processo di invecchiamento stesso?

Questa è l’idea alla base di una crescente area di ricerca che trae ampio sostegno da donatori sia governativi che privati, inclusi milioni di dirigenti della Silicon Valley come il co-fondatore di Microsoft Paul Allen e il venture capitalist Peter Thiel. Mentre i budget delle agenzie federali per la scienza hanno faticato negli ultimi dieci anni, i finanziamenti al National Institute on Aging sono aumentati di oltre il 50% dal 2007.

“Non sono interessato a creare una popolazione che viva fino a 200 anni, perché sarebbe un problema per il mondo in cui viviamo”, dice Corinna Ross, PhD, biologa della Texas A & M University di San Antonio. “Ma se riusciamo a tenere le persone lontane dall’assistenza domiciliare e ridurre il numero di malati di Alzheimer e di Parkinson, sarebbe l’ideale.”

Quello che gli scienziati conoscono sull’invecchiamento è progredito bruscamente negli ultimi 2 decenni mentre apprendono di più su ciò che guida il processo di invecchiamento all’interno delle cellule. Con la corsa per trovare una pillola anti-invecchiamento, due dei più promettenti sono farmaci che già esistono: metformina e rapamicina.

Essere in grado di prevenire alcune delle malattie debilitanti legate all’età offre la speranza di una vita migliore: “Siamo più bravi a tenere in vita le persone con varie malattie dell’invecchiamento, ma raramente le riportiamo in piena salute”, dice. “Penso che sarà molto meglio per la qualità della vita dell’individuo, e molto meglio economicamente, se possiamo semplicemente impedire loro di ammalarsi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here